Video
 
    
       AREA RISERVATA 
 
 
Approfondimenti

POESIE   

IL PRUNO IN FIORE 

Al di là del giardino scioglie le chiome,
nella sua cascata di fiori, un albero di prugne;
la sua ombra si allunga, petalo dopo petalo,
nei lunghi suoni di un flauto di legno. 

Trecce d’anelli di fumo nella brezza
scivolano su pietre levigate dalle carezze della notte,
in fragranze di incensi che s’offrono alle ombre. 

Occhi socchiusi nel silente trascorrere delle ore,
respiri alla stregua di nodosi rami stagliati
alla rossastra visione del tramonto,
al sembiante ocra di vesti in armonia con gli orizzonti. 

S’aggira la pioggia di fiori formando cerchi di luce,
mentre, allo stormire di fronde antiche,
le scintille dei fuochi notturni danzano
sulle offerte di vuoti canti, e foglie estinte. 

Un pesce s’insinua nella calma del ruscello. 

La goccia d’acqua si posa sull’erba,
sulla quieta magia della tenebra che avanza. 

Nulla appare sacro alla luna,
che coi suoi lampi d’argento
illumina il sorriso, l’incenso spento.

  Ottobre 2009

Dedicata ad Alessandra

                                                          OTTO PEZZI DI BROCCATO PREZIOSO 

                                                           Eppure il gocciolare pigro della pioggia
                                                          non distrae il cammino, è musica soave,
 

                                                                   e io reggo il cielo con due mani,
                                                         guerriero su campi di battaglia senza morti,
                                                    solo il rumore dei miei passi, tra i rovi e le ortiche.
 

                                                                    Le frecce tirate contro il mondo
                                                          dal mio arco di morbide fogge le ho scoccate,
                                                forgiando i sorrisi alle perle rosse d'un melograno.
 

                                                            Un fenicottero dalle piume fluorescenti
                                                        si stempera al chiarore violento dell'aurora
                                                        occhieggia attorno a sé, oscillando il becco.
 

                                               Armonica ventata di polvere, pensieri in ebollizione,
                                        mi fanno sciogliere al piacere sinuoso dei sassi e della terra,
                                                ogni freccia avvelenata io paro, scaglio verso il vuoto.
 

                                            Ferisco il tempo, ferisco le lacrime, ferisco la pozzanghera. 

                                                          S'avanza il sovrano, con incedere nobile,
                                                   s'inchina la dama, nella sua increspata dolcezza,
                                                       l'arciere chiude gli occhi, i capelli sul volto,
                                                        si plasma il paggio in un cespuglio di creta.
 

                                             Ghiaccia la cima dei monti, dormono le nubi all'orizzonte,
                                                     chiudono le ali gli uccelli dagli artigli antichi,
 

                                              mentre la pioggia disegna sull'asfalto cerchi d'argento.
 

Dedicata a Ankie Westberg.

                                           
Poesie di Giancarlo Fattori praticante del Kung Fu Chang -
allievo dell'A.S.D. Ching Tao Shang Pu (F.E.S.K. Fong TTai)
copyright©2009